mercoledì 20 maggio 2015

Eugenio di Savoia - Itinerario Culturale Transnazionale

Il progetto AFLUNEO ha dato vita alla proposta dell'itinerario culturale transnazionale dedicato alla figura di Eugenio di Savoia Soisssons , il più grande comandante militare tra fine XVII e prime tre decadi del XVIII secolo. Fu l'artefice della fortuna degli Asburgo, non solo insediandoli come vera potenza europea occidentale nell'area balcanica, a guardia degli Ottomani, ma anche come contrappeso ineludibile nei delicati equilibri continentali delle Guerre di Successione Spagnola e Polacca. I territori coinvolti nel progetto sono Italia (Torino,Orbassano, Staffarda) Austria (Vienna) Ungheria (Mohacs) Serbia (Belgrado, Zemta, Petervarodino, Sremski Karlovci e Pozarevac) e Romania (Timisoara). L'elemento fiume trova qui una splendida esaltazione sia nel suo uso tattico contro il nemico in battaglia, sia nel significato di confine tra due mondi, civiltà e culture quali quella cattolica ed islamica. I fiumi coinvolti rispettivamente sono il Po, un tratto del Danubio, il Tisza ed il Timis. La proposta ha ad oggi un riferimento concreto in un bando europeo COS T Flow con data di scadenza il 30 giugno p.v. Obiettivo è quello di arrivare ad ottenere la certificazione da parte dell'Istituto Europeo delle Cultural Routes (EICR) in Lussemburgo, emanazione del Consiglio d'Europa; nonchè da parte della Commissione Europea, per i singoli siti dell'Itinerario, come parte del Patrimonio Culturale Europeo.I pilastri del progetto sono rappresentati dai concetti transnazionalità e sostenibilità. Il primo sta ad indicare che elementi quali Conoscenza, Protezione, Valorizzazione e Comunicazione del progetto sono frutto della collaborazione tra persone di nazionalità diversa che mirano a ricostituire un'identità europea condivisa; il secondo, la sostenibilità, che il turismo è tale, nel XXI secolo, se si distacca dal concetto di consumo di pacchetto turistico consentendo al visitatore di prepararsi adeguatamente alla destinazione scelta, di capire le interazioni tra eventi storici e patrimonio culturale, materiale ed immateriale, oltrechè naturale del luogo.Sotto quest'ultimo punto di vista il Fiume appare come l'elemento aggregante ed unificatore della Storia Europea, sia pure in termini di sistema fluviale e non di singoli grandi corsi. Figure come quelle di Eugenio di Savoia ci permettono una comparazione, per quanto difficile, tra un  Impero - quello asburgico, su base mono-fluviale- e quelli  dei grandi spazi eurasiatici, dagli Urali al Pacifico: come cambia il concetto di Impero da un contesto come quello cinese o indiano - con grandi ed immensi corsi fluviali per governare i quali nasce un apparato burocratico centralizzato- ad uno europeo caratterizzato da tre grandi sistemi - Rodano, Reno e Danubio - e da una molteplicità di reti e sottosistemi?  E' una fra le tante domande da porsi anche per comprendere, rispetto al fiume come infrastruttura di trasporto, quali rapporti sociali ed economici siano mutati da una più rapida circolazione delle merci rispetto alle signorie agrarie, ai contadini, ai mercanti. Per ora cominciamo con Eugenio di Savoia, i fiumi ci porteranno lontano...